ASD COBRA KAI official website
  • Seguici su Facebook
  • Seguici su Twitter
  • Seguici su Instagram
  • Seguici su Youtube
  • Prossimo incontro SAN PIERINO Vs COBRA KAI sabato 15 dicembre ore 15:00
  • Prossimo incontro Juniores SIGNA 1914 J. Vs COBRA KAI J. sabato 15 dicembre ore 15:00






Il Nuovo Corriere di Firenze: San Pierino - Cobra Kai 07/09/2013

Il Nuovo Corriere di Firenze: San Pierino - Cobra Kai

Quindicesima Giornata Campionato

SAN PIERINO-COBRA KAI 0-0


SAN PIERINO: Frediani, Fattori, Noccioli, Checcucci, Parigi, Bartoli, Cannizzaro, Turri, Lelli, Poli, Rossi. A disp: Baldini, Mancini, Wajid, Bavini, Rossi.
Allenatore: Simone Parrini

COBRA KAI: Dominici M., Portoghese, Amato E., Masini, Amato G. (25’ st Mancini), Berti, Pratesi (16’ st Miglietta), Evans, Tavanti (25’ st Garbini), Brunetti, Lenardon (33’ st Dominici D.)
Allenatore: Riccardo Furi

Arbitro: Xhoj Sejdini di Pontedera.

Una gara sicuramente da dimenticare quella fra San Pierino e Cobra Kai, giocata a ritmi estremamente blandi dove anche il direttore di gara ci ha messo del suo arbitrando con estrema fiscalità che lo ha portato ad interrompere continuamente il gioco. Le due formazioni, che provenivano da due sconfitte, il Cobra Kai con il Giglio Rosso in casa ed il San Pierino con il Cortenuova in trasferta, non hanno quindi messo in mostra voglia di rivalsa. I locali hanno comunque fatto un maggiore possesso palla costringendo gli avversari ad agire di rimessa ma le azioni degne di nota si contano davvero sulle dita di una mano.
Nel primo tempo intorno al 25’ si registra la prima conclusione verso lo specchio della porta ad effettuarla è Tavanti per il Cobra Kai con Frediani che però fa buona guardia mentre pochi minuti prima del riposo è l’estremo difensore ospite a salvare il risultato volando all’incrocio dei pali per sventare la punizione velonosa dal limite di Poli. Nella ripresa la musica non cambia, con noia e sbadigli principali protagonisti. Il San Pierino macina gioco ma effettuerà due sole conclusioni dalla distanza controllate senza problemi da Dominici M. mentre sul fronte opposto i gialloneri di Furi impegnaranno ( si fa per dire) Frediani soltanto nei minuti di recupero finali con un calcio piazzato di Brunetti. Il triplice fischio finale del direttore di gara viene quindi accolto come una liberazione dallo sparuto pubblico presente che sicuramente avrà rimpianto i soldi spesi per assistere a questo “spettacolo”.



Gianni Palchetti